X
<
>

Tempo di lettura 3 Minuti

NAPOLI. Se fosse stato sufficiente sostituire il numero uno nell’anno, che è appena iniziato, con un corno, non si sarebbe trovata la Società del Napoli, in simbiosi con l’allenatore e con il resto della squadra, a dover fare a meno dell’attaccante di prestigio, in forza al team azzurro, per via della quarantena che toccherà rispettare all’attaccante dalla chioma dorata, per aver festeggiato il genetliaco lo scorso 29 dicembre in allegra compagnia, al di là dell’Oceano, con banconote che svolazzavano a mò di coriandoli, e con mascherine indebitamente riposte nei cassetti. Un guaio? Un problema? Un pericolo? Tutto insieme, osservando le statistiche che presentano i partenopei, in debito con i punti persi per strada, forse, meglio soprattutto, per l’assenza forzata del nigeriano costretto ad operarsi alla spalla e ad un lungo periodo di recupero: non può disperdere, il buon De Laurentiis, gli oltre settanta milioni di euro investiti per un top player quale si era presentato sui manti erbosi italiani e non, a causa di inesperienza, che chiameremo meglio, peccato di gioventù, se preferisci fare il furbo e sfidare la realtà di un virus che lascia segni, e come, mandando a farsi benedire tutte le misure sanitarie che vengono imposte da chi ne capirà poco di calcio, ma molto di virologia!

La multa? D’accordo in pieno con il Presidente, ben conscio quest’ultimo, che poco influenzerà il comportamento dell’attaccante, che resterà a guardarsi le partite ( Cagliari, Spezia, Fiorentina e, forse anche la finale di Supercoppa) tra i quattro muri di casa, ed in caso di debacle, sentendosi responsabile di aver lasciato in braghe di tela, la squadra, già orfana di Koulibaly e Mertens: ventidue anni, era proprio necessario festeggiarli schivando le più elementari norme di salvaguardia, offendendo, in un momento di crisi  economica che attanaglia tantissimi napoletani, come altri cittadini nel resto d’Italia, la miseria, lanciando denaro ai presenti in segno di una grandezza che ha poco di educativo e tanto di sfrontatezza?

Alcuni hanno paragonato questo gesto alle bravate che sino ad oggi avevano sempre circondato la figura di Balotelli, come l’aver regalato un migliaio di euro ad un giovane napoletano se si fosse lanciato in mare a bordo del motorino: sono esempi da distruggere, situazioni da condannare prescindendo dall’apporto che giocatori dalle enormi potenzialità come loro, potranno dare alle rispettive tifoserie. Il calciatore modello lo si vede in campo, ma anche lontano dalla competizione, e solo così si spiegano fenomeni che anche alla soglia dei quaranta anni, continuano a dimostrare serietà, disciplina, amore verso la maglia che indossano. Maradona? Anche lui ha commesso errori nella sua vita privata, ma mai inficiando le sue prestazioni durante il corso della partita e durante gli allenamenti, portando rispetto verso i colleghi, ai quali non ha mai fatto mancare il contributo di calciatore. Bravo De Laurentiis, hai dato un altro forte significato alle dichiarazioni di lealtà e correttezza che hai dimostrato durante la questione dello Stadium, per la partita non giocata contro i bianconeri: pugno duro in un momento difficile per la squadra, e chissà  che non riuscirai a raddrizzare le ossa a questo giovane virgulto che ha nelle gambe la potenza, ma nella zucca poco sale, velocità nei movimenti, ma lentezza nel far funzionare a dovere il cervello. E se ad un napoletano fai perdere la pazienza, sappilo (riferito al nigeriano) sono guai seri !!!!

PROBABILI FORMAZIONI DI CAGLIARI – NAPOLI
CAGLIARI (4-2-3-1): Cragno; Zappa, Walukiewicz, Ceppitelli, Lykogiannis; Marin, Oliva; Nandez, Joao Pedro, Sottil; Simeone. All.: Di Francesco.                                                                                                                       

 NAPOLI (4-2-3-1): Ospina, Di Lorenzo, Maksimovic, Manolas, Hysaj; Bakayoko, Fabian; Lozano, Zielinski, Insigne; Petagna. All.: Gattuso.       Gianluca Manganiello di Pinerolo l’arbitro della sfida. Insieme con Manganiello ci saranno Baccini e Colarossi, mentre il ruolo di IV uomo è affidato a Dionisi. Mariani e Passeri formeranno la coppia presente al VAR.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA