Salta al contenuto principale

Salvini senza freni da Battipaglia: dopo i campi rom, abbatteremo anche i centri sociali

Campania
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 1 secondo

 Continua il tour elettorale del leader della Lega nord, Matteo Salvini. Oggi, durante il comizio tenuto a Battipaglia, in provincia di Salerno, a favore del candidato sindaco Guglielmo Marchetta, il segretario del carroccio è stato contestato da un gruppo di giovani. A loro, dal palco di piazza della Repubblica, ha risposto che "cinque stecche non mi mettono paura, dopo i campi rom con la ruspa abbatteremo i centri sociali. Andate a farvi le canne da qualche altra parte". Il gesto di contestazione, per Salvini, "significa che stiamo dando fastidio a qualcuno. Ma forse voi non avete i problemi della legge Fornero. Se andremo al potere noi aboliremo questa legge infame". -

"Cinque stecche non mi mettono paura, dopo i campi rom con la ruspa abbatteremo i centri sociali. Andate a farvi le canne da qualche altra parte".
    Matteo Salvini risponde così dal palco di piazza della Repubblica, a Battipaglia, a un gruppo di giovani che lo contesta durante un comizio per il candidato sindaco Marchetta. "Significa che stiamo dando fastidio a qualcuno. Ma forse voi non avete i problemi della legge Fornero. Se andremo al potere noi aboliremo questa legge infame".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?