Salta al contenuto principale

Pompei, sfiduciato il sindaco Uliano: fulmine a ciel sereno dopo meno di due anni dall'elezione

Campania
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 42 secondi

 Pompei è senza sindaco e senza amministrazione: nella notte, dieci consiglieri comunali hanno firmato le loro dimissioni, sfiduciando il sindaco Ferdinando Uliano, davanti a un notaio. Il prefetto è stato già informato e nelle prossime ore nominerà il commissario prefettizio per l'ordinaria amministrazione del Comune. Il Comune di Pompei tornerà al varo in maggio del prossimo anno.

La sfiducia a Uliano è un fulmine a ciel sereno, anche se, dai primi mesi della sua amministrazione è stato difficile tenere insieme una giunta stabile. Dieci consiglieri comunali, su 16 che siedono a Palazzo, 2 della maggioranza e 8 dell'opposizione sono gli autori di questo gesto inaspettato. Dietro alla sfiducia, ci sarebbero i malcontenti sui continui valzer della giunta, con numerosi cambi di assessori.

I consiglieri dimissionari sono Maria Padulosi, Franco Gallo, Bartolo Martire, Carmine Cirillo, Salvatore Perillo, Lello De Gennaro, Marika Sabini, Angelo Calabrese, Stefano De Martino e Luigi Ametrano.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?