Salta al contenuto principale

De Magistris: pronto a candidarmi

Campania
Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

 NAPOLI - «Nel pieno di un agosto di fuoco il  Governo è scoppiato. Sembra imminente la consumazione definitiva  di un’esperienza politica e di governo complessivamente dannosa  per la tenuta democratica del nostro Paese. Se il Presidente  della Repubblica, garante degli equilibri costituzionali,  dovesse ad un certo punto maturare, invece, la scelta dello  scioglimento della Camera e del Senato, ritengo sia venuto il  nostro momento per candidarci alle politiche. Io ci sono», dice Luigi De Magistris, sindaco di Napoli.«Mi sento pronto e molto carico per costruire l’alternativa e  sono contento - se la situazione dovesse precipitare nelle  prossime settimane - di partire proprio da sindaco di Napoli. La  mia città, con le quattro giornate del 1943, fu la prima in  Europa a liberarsi dall’occupazione nazifascista con una rivolta  popolare. Gli eversori vanno fermati perché la Costituzione si  difende costi quel che costi».«Ci vuole un programma chiaro, in  grado di unire. Un manifesto per l’attuazione immediata della  Costituzione. Ho tutto in testa. È venuto il momento di unire  l'Italia valorizzando tutte le autonomie - spiega il sindaco di  Napoli - Consolidare diritti e libertà individuali. Lottare  finalmente contro mafie e corruzioni, la vera emergenza  nazionale che questo Governo nasconde. Un Paese che ha le  competenze e le eccellenze per coniugare impresa, diritti delle  lavoratrici e dei lavoratori ed ambiente. Potenza dello sviluppo  mettendo al centro finalmente la persona e la natura. L’Italia  dei beni comuni con i fatti e non con le parole. Un Paese che  ritrovi armonia, coesione, concordia. Amore contro rancore,  odio, violenza. Libertà, uguaglianza e fratellanza. Costruire  l'Italia della solidarietà e della giustizia sociale. È tutto  molto semplice ma anche così difficile. Come le rivoluzioni».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?