Salta al contenuto principale

Quattro ministri della Campania nell’esecutivo del premier Conte

Campania
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 37 secondi

NAPOLI - Sono quattro i nuovi ministri della Campania dell’esecutivo del premier Conte,  Vincenzo Spadafora (Sport e Gioventù), Sergio Costa (Ambiente), Luigi Di Maio (Esteri), Vincenzo Amendola (Affari Europei). I primi a commentare sono i sindacati regionali alle prese con difficili vertenze nella regione.    "Aspettiamo di vedere all’opera il nuovo Governo soprattutto per quel che concerne il Sud e la Campania dove è arrivato il momento di intervenire con azioni concrete per rispondere alle tante emergenze, a cominciare dal lavoro", dichiara Doriana Buonavita, segretaria generale della Cisl Campania.   
"Abbiamo bisogno di risposte e fatti concreti - spiega Buonavita - partendo da dati reali. Siamo la regione con il più alto tasso di disoccupazione in Europa e non possiamo più consentirci che i nostri giovani vadano via. Qualcuno deve farsene carico".  Secondo Buonavita "non è più tempo di scontri ideologici e personalismi che minano la coesione sociale e hanno generato finora una frammentazione dell’azione politica. Né tantomeno possiamo più consentire il protrarsi della mancanza di confronto e dialogo costruttivo con le istituzioni che ha portato alla degenerazione di situazioni che invece avrebbero richiesto azioni immediate e risolutive con gravi ripercussioni per tutti i cittadini campani, sui servizi alla collettività, sul mercato del lavoro locale, sull'apparato produttivo, sulle politiche di sviluppo, sulla qualità della vita nella nostra regione", conclude la segretaria generale della Cisl Campania.
Per il segretario generale della Cgil Campania, Nicola Ricci, «A inizio agosto con Cisl e Uil  abbiamo illustrato al premier Conte la piattaforma programmatica  che contiene proposte precise su lavoro, Mezzogiorno, crescita,  sviluppo, fisco e ambiente.  Ora aspettiamo di capire tra i 26  punti del programma del Conte bis, quanto se ne terrà conto e  quante saranno accolte. In attesa di vederlo all’opera, posso  dire che aver dato un nuovo Governo al Paese è certamente un  fatto positivo. Per tutto il resto, staremo a vedere».
 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?