X

Tempo di lettura 2 Minuti

SALERNO – Mascherine confezionate da imprese sartoriali e fornite a cittadini e presidi ospedalieri. Accade nel Salernitano. Su iniziativa della Caritas della diocesi di Teggiano-Poli – castro, gli ospedali “Luigi Curto” di Polla e “Maria SS. Addolorata» di Eboli riceveranno centinaia di mascherine protettive confezionate con tutti i criteri e le condizioni previste dalla legge. In queste ore sono al lavoro operatori di imprese private per poter fornire le mascherine nel più breve tempo possibile. La distribuzione dei presidi protettivi sarà effettuata mediante il supporto dei volontari della Protezione Civile del Vallo di Diano. Intanto pacchi alimentari a domicilio, pasti d’asporto, mensa dei poveri e centri d’ascolto attivi. Sono soltanto alcuni dei servizi potenziati per l’emergenza Covid -19 a beneficio di persone meno abbienti da parte della Caritas della diocesi di Teggiano- Policastro, a sud di Salerno. La Caritas diocesana ha reso noto che restano aperti i centri di ascolto ed il “pacco alimentare” viene consegnato a domicilio. Cambia anche il servizio della mensa dei poveri di Sapri con l’introduzione del pasto d’asporto a domicilio. Per coloro, invece, costretti a consumare i pasti all’interno della mensa sono state introdotte nuove regole a garanzia di tutte le disposizioni igienico-sanitarie previste in tema di emergenza coronavirus. Sul fronte sicurezza si chiudono comunque più misure. L’Esercito in strada per controllare le strade di Salerno in questa fase di emergenza sanitaria. È la richiesta fatta dal sindaco Vincenzo Napoli al prefetto, Francesco Russo. “Purtroppo – ha scritto il sindaco nella lettera inviata – anche nelle ultime ore abbiamo avuto modo di verificare assembramenti e persone a passeggio senza comprovato motivo; in special modo sul lungomare”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares