Salta al contenuto principale

Marano, il procuratore Granieri plaude ai carabinieri
«Indagini impeccabili su un fatto criminale gravissimo»

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 55 secondi

COSENZA - La vicenda delle intimidazioni a sindaco e giunta comunale di Morano Marchesato (LEGGI L'ARTICOLO) è giunta al suo epilogo grazie alle indagini definite "esemplari" di procura e carabinieri. Per il procuratore della Repubblica di Cosenza, Dario Granieri, «si è trattato di un grave fatto criminoso».

Oltre ai profili genetici ricostruiti con le tracce biologiche trovate sulle buste e sul nastro usato per fissare una lettera intimidatoria all’automobile di uno degli amministratori, con l’acquisizione delle celle telefoniche sono stati ricostruiti i movimenti degli indagati nella notte tra il 6 e il 7 maggio quando vennero date alle fiamme contemporaneamente due automobili di altrettante vittime.

Il sostituto procuratore Bruno Antonio Tridico ha spiegato che «non è stato tralasciato nulla». Inizialmente gli amministratori avevano attribuito quei gesti ad alcune azioni volte ad allontanare episodi di piccolo spaccio di droga da Marano Marchesato, in realtà si è poi scoperto che la ragione stava nella richiesta di lavoro da parte dei cinque indagati, tre dei quali finiti dietro le sbarre con l’accusa di concorso in tentata estorsione. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?