Salta al contenuto principale

Matera Capitale della Cultura 2019
testimonia che è possibile un altro Sud

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

«QUESTA è una restituzione per questa città. Matera oggi vince perchè porta qualcosa in più degli altri». Paolo Verri commenta così, a caldo, la vittoria e il traguardo di capitale della cultura.
«Questo nostro risultato completa il riscatto di questa città ed è l’esempio di un Sud che deve crederci, Matera è la testimonianza» continua Verri raccontando con grande passione il percorso fatto e quello ancora da fare, «che un altro Sud è possibile anche allargando l’orizzonte, avvicinandosi maggiormente all’Alta Murgia, mostrando non solo la nostra bellezza ma anche quella che abbiamo vicino.
Avvieremo ben presto un contatto con la Puglia non solo con la città di Lecce ma anche con Bari per poter meglio rappresentare le esigenze comuni, così come cercheremo di stringere una collaborazione con la città di Napoli e le altre regioni del Sud Italia». Uno dei primi passi di Matera capitale della cultura del 2019 sarà avere in città al più presto e per un confronto i cinque sindaci delle altre città che hanno condiviso il percorso di candidatura. Un impegno che era stato già annunciato prima del risultato e che è stato ribadito anche a caldo.
Così come Verri ha raccontato anche le domande che avevano creato qualche esitazione durante l’audizione: «non siamo riusciti a rispondere come avremmo voluto. Per esempio ci hanno chiesto perchè un londinese dovrebbe preferire Matera ad un’isola greca, la risposta è semplice perchè Matera può offrire qualcosa in più del solo riposo che si ritrova nell’isola greca». Il direttore del Comitato letteralmente spedisce per oltre mezzora al momento fatidico: «ho chiamato mia moglie, non l’ho trovata volevo sentirla e condividere con lei quel momento. Poi mi ha chiamato Caterpillar la trasmissione di Radiodue che mi ha detto che dobbiamo prima rescindere il contratto con Radiotre. Uno scherzo del mio amico Massimo Cirri».
La serata e la festa è continuata in piazza San Giovanni. Matera da capitale della cultura può guardare al futuro con molto ottimismo in più. Una grande chance.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?