Salta al contenuto principale

«Accertare le responsabilità
e affermare la trasparenza»

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

MELFI - «Accertare le responsabilità e affermare con i fatti la trasparenza e la legalità».
E’ quanto chiede il gruppo attivisti del Movimento 5 Stelle di Melfi nell’esprime profonda preoccupazione per le vicende giudiziarie che hanno coinvolto il sindaco Valvano e l’Amministrazione del Comune di Melfi.
«Benché ci auguriamo che vengano rapidamente accertate responsabilità e verità sui fatti contestati - spiegano i grillini in una nota - non possiamo non constatare le ripercussioni e il danno di immagine che queste inchieste hanno sulla nostra Città».
Il movimento non vuole scendere in «facili polemiche» nei confronti del primo cittadino («ci auguriamo possa chiarire la sua totale estranietà») ma sottolineano «come politicamente la macchina comunale abbia agito, anche negli anni recenti, con poca trasparenza sulle attività che i recenti orientamenti suggeriscono in materia di anticorruzione».
«I principi di legalità e trasparenza sono protagonisti ormai soltanto nei discorsi pubblici e nelle campagne elettorali. Ci permettiamo di suggerire che i sospetti di attività clientelare possono essere dissolti semplicemente pubblicando, sul portale Internet del Comune, tutte le informazioni possibili sull’attività amministrativa».
Per il movimento 5 Stelle «la trasparenza costituisce un fondamentale strumento di contrasto dei fenomeni corruttivi e di cattiva amministrazione».
Il puntio centrale appresentato dai pentastellati sono i criteri di equità e trasparenza «al di là di ciò che impone la normativa anticorruzione».
«Non solo informazioni legate alle retribuzioni accessorie dei dirigenti e del personale dipendente - spiegano - ma nessuna norma impedisce la pubblicazione dei criteri di fornitura diretta e lavori affidati a imprese locali e limitrofe, seppure gli importi modesti non dovessero creare obblighi per l’ente comunale».
«Utilizzeremo - concludono i pentastellati qualsiasi strumento di pressione affinché ogni cittadino possa liberamente accedere, anche on line, alle informazioni sui bandi di gara, notizia delle imprese, scelta motivata del vincitore e l’importo dell’appalto o della gara».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?