Salta al contenuto principale

"Uniti per la truffa", da Spagnuolo elogi ai carabinieri
«Illeciti molto gravi commessi da politici»

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 57 secondi

VIBO VALENTIA - «È un’indagine che mette a nudo comportamenti di tipo illecito molto gravi anche perché commessi in un contesto particolare e da esponenti della politica». Lo ha detto il Procuratore della Repubblica di Vibo Valentia, Mario Spagnuolo, incontrando i giornalisti in merito all’operazione «Uniti per la truffa» condotta da carabinieri e guardia di finanza che ha portato all’arresto, tra gli altri, del sindaco di Nardodipace, Romano Loielo.

Spagnuolo ha sottolineato che «l'inchiesta è partita dall’acume investigativo di un bravissimo maresciallo dell’Arma, comandante della Stazione di Nardodipace, che è riuscito a intuire i comportamenti criminosi degli indagati, capirli e sviluppare un percorso investigativo. A questo si aggiunge il lavoro di una piccolissima unità della sezione di polizia giudiziaria della Finanza in forza alla Procura, eseguito con scrupolo e intelligenza e consultando le banche dati».

«Il nostro intervento ha così impedito - ha concluso il Procuratore di Vibo Valentia - che altre iniziative similari potessero essere reiterate, prevenendo danni per 600-700 mila euro e circoscrivendo la truffa a centomila euro». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?