Salta al contenuto principale

Trovato morto nella sua casa l'uomo accusato delle minacce ai magistrati Gratteri e Lombardo

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

 

REGGIO CALABRIA - Francesco Gennaro Triolo, 47 anni, l’uomo denunciato nel gennaio scorso come il responsabile delle minacce telefoniche al pm della Dda di Reggio Calabria Giuseppe Lombardo ed all’aggiunto Nicola Gratteri, è stato trovato morto nel suo appartamento, nella periferia sud di Reggio. Sul posto sono intervenuti polizia e carabinieri. 

LEGGI LA NOTIZIA DEL SUO ARRESTO

Al momento non si conosco particolari sulle cause della morte: secondo una prima ipotesi potrebbe essersi trattato di un malore. I primi accertamenti da parte del medico legale evidenzierebbero che non ci sono segni di violenza sul corpo di Triolo. 

ASCOLTA LA TELEFONATA: «SIAMO PRONTI AD UCCIDERE IL GIUDICE»

 

La Procura della Repubblica di Reggio Calabria, comunque, disporrà quanto prima l’esame autoptico e tossicologico sulla salma per risalire all’esatta causa del decesso. Il corpo di Triolo è stato trovato riverso a terra. Sul posto è intervenuta la polizia.

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?