Salta al contenuto principale

Giunti a Vibo Marina 160 profughi provenienti da Trapani
Dopo la prima accoglienza smistati a Roma e Napoli

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 52 secondi

VIBO VALENTIA - Sono arrivati all’imbrunire. Su un aliscafo "jumbo" della Ustica Line. Hanno fatto scalo a Trapani e ieri dopo le 20.30 hanno toccato il suolo vibonese. Sono in 160, tutti profughi. Storie diverse, nazioni diverse, un unico scopo: quello di trovare una sistemazione che le loro Paese non sono riusciti ad avere. Sono perseguitati, rifugiati politici, chi è da solo, chi con moglie e figli. Il porto di Vibo Marina è, dunque, stato l’approdo finale di questa gente. Ad attendere l’imbarcazione un imponente cordone sanitario predisposto - come del resto già avvenuto nelle precedenti occasioni - dalla Prefettura e costituito da Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza, Vigili del fuoco, volontari della Protezione civile e dal personale del 118 al quale è toccato effettuare lo screening sanitario sui passeggeri. 

LEGGI LA LETTERA DEL VESCOVO OLIVA CHE SPRONA ALL'ACCOGLIENZA

Quindi un pasto caldo, degli indumenti ed una sistemazione temporanea in attesa della fine delle operazioni che si sono per fino a notte fonda prima che si desse il nullaosta per il trasferimento in strutture organizzate per l’accoglienza. Non in Calabria dove i centri sono ormai al limite della capienza, ma in altre regioni dello Stivale. I primi 100 sono partiti immediatamente in direzione Roma, mentre i restanti soggiorneranno per il weekend a Briatico dove da tempo sono presenti altri extracomunitari ospitati nell'hotel Costa Bella, in attesa di essere accompagnati, nella settimana entrante, alla volta di Napoli.

 A supervisionare le operazioni, coordinate dalla Questura, il dirigente della Polizia Antonio Lanciano e il capitano dei carabinieri Diego Berlingieri, mentre le attività sanitarie sono state coordinate dal dirigente del 118 Antonio Talesa. Vibo Valentia e il suo porto diventano, quindi, sempre più snodo per i migranti dopo i tre sbarchi della fine dello scorso anno: il 15 settembre, il 4 e del 21 ottobre quando una nave mercantile trasportò prima 507 migranti provenienti dalla Libia e più in generale dell’Africa equatoriale, poi altre 850 persone ed infine 729 profughi di nazionalità siriana, irachena e pachistana. Alcuni di questi hanno già lasciato il suolo calabrese mentre altri, una minima parte, sono stati destinati alle strutture presenti sul territorio vibonese. In particolare nei comuni di Briatico e Brognaturo, ma anche Arena e Joppolo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?