Salta al contenuto principale

Sabato mercato in via Granulari
Il Tar dà ragione al sindaco

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

MATERA - Una settimana dopo aver sospeso il trasferimento del mercato rionale del sabato dal rione San Giacomo alla zona Paip 2, il Tar di Basilicata accoglie l’istanza presentata dal Comune di Matera e, da domani, provvede a ripristinare l’appuntamento settimanale nella nuova sede in contrada Granulari.
Sembra così giunta ad un punto nuovo e forse definitivo la querelle che aveva contrapposto un gruppo di ambulanti pugliesi all’amministrazione comunale.
L’audizione di mercoledì nella sede del tribunale amministrativo regionale di Potenza, ha sciolto i dubbi che erano stati paventati nel ricorso presentato la settimana scorsa e accolto.
Nel dispositivo emesso dal Tar è scritto chiaramente che «La continuazione del mercato nel rione San Giacomo produce maggiori inconvenienti rispetto al suo svolgimento nella zona Paip 2».
In quanto poi al rischio di inquinamento elettromagnetico che era stato segnalato per la presenza nella nuova sede di alcune antenne, è lo stesso assessore comunale di Lavori Pubblici, Giovanni Scarola a sottolineare che le «Analisi svolte dall’Arpab eliminano ogni dubbio sulla pericolosità».
Il Tar che si riunirà in Camera di consiglio il 13 maggio prossimo, autorizzando lo svolgimento del mercato ha deciso di rispettare la decisione sul trasferimento già approvata dal consiglio comunale il 22 luglio 2013 con delibera n. 37. In base a questo provvedimento l’amministrazione comunale aveva provveduto ad attrezzare la zona con lavori per 750 mila euro. E proprio la documentazione fotografica, come conferma il testo del dispositivo conferma «L’inizio dei lavori di rifacimento delle strade e dei marciapiedi dei rione san Giacomo, contemplati dal progetto esecutivo approvato con determinazione del 20 giugno scorso per cui deve ritenersi sussistente con effettivo pericolo per l’incolumità sia dei commercianti sia degli utenti del mercato».
Si sblocca, dunque, una vicenda che nel corso di questa settimana ha animato il dibattito cittadino, incrociato con la campagna elettorale, elemento di non secondaria importanza.

a.ciervo@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?