X
<
>

Una scena di Freaks Out, uno degli ultimi film italiani

Condividi:

IL 2021 finisce portando con sé un mucchio di dati, di titoli, di numeri, di problematiche affrontate (e risolte), di buoni propositi per il 2022 e di considerazioni da fare. Una di queste riguarda il cinema italiano, uno dei grandi sconfitti di questa travagliata stagione cinematografica, costellata da chiusure, restrizioni e false partenze. Una scure con un forte segno meno, che ha praticamente tolto di mezzo il prodotto nazionale dal mercato, fatta eccezione per Freaks Out, Diabolik, Me contro Te, Il Gatto in Tangenziale e i nostri autori più importanti come Martone, Sorrentino e Moretti.

In questi due anni, ed in particolare nel 2021 appena concluso, il pubblico non ha scelto il cinema italiano, ha visto Spiderman, Dune, 007, Eternals, Venom, Fast & Furious. Ovvero una tipologia di film spettacolari, per i quali valga evidentemente la pena uscire di casa. Per tutto il resto, in epoca pandemica, ci sono le piattaforme.

Il cinema italiano deve allora proiettarsi alla post-pandemia e tornare (o diventare) di forte attrattiva. Ovvio che non può essere solo il box-office il metro di giudizio, ma gli incassi significano un pubblico raggiunto. Per un prodotto medio, soprattutto commedia leggera o dramma esistenziale (del regista), quel pubblico non c’è, non è tornato in sala, e chissà se ci tornerà a pandemia finita o ben arginata. Gli spettatori hanno premiato pochi film-evento di grandi autori italiani (Moretti, Sorrentino e Martone) lanciati dai maggiori festival. Subiscono una battuta d’arresto film di comicità acclarata (Paola Cortellesi + Antonio Albanese, Christian De Sica + Alessandro Siani, che comunque funzionano) e si fanno largo operazioni fantastiche con inseguimenti esplosivi e fenomeni da baraccone.

Il cinema italiano ha vissuto di finanziamenti e di assistenzialismo, trovando fortune insperate in periodi di vacche grasse. Ma adesso, con la maggior parte dei titoli ritenuti deboli per la sala, bisognerà decidere se continuare a sovvenzionare un sistema che non ha riscontri con il mercato. Il ruolo dei produttori in questo momento è decisivo. Ai nostri registi l’augurio di essere più ambiziosi.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA