X
<
>

Sigourney Weaver in “Alien”, diretto nel 1979 da Ridley Scott, capostipite di una saga di film presenti su Star

Tempo di lettura 4 Minuti

Benvenuta Star! Ancora pochi giorni e, dal 23 febbraio, il nuovo brand di intrattenimento sarà disponibile all’interno di Disney+. Subito disponibili 53 serie di culto e nuove, 260 film tra blockbuster e saghe a giustificare il piccolo sovrapprezzo (a 6,99 euro al mese e 69,99 all’anno fino al 22 febbraio e, dal giorno successivo, 8,99 e 89,99).

Al pubblico italiano, inoltre, porterà la quarta stagione di Boris. Torna la serie TV che ha preso in giro dinamiche, star e tic della televisione italiana. A confermare il ritorno del pesce rosso nell’ampolla e della sgangherata troupe, il protagonista Francesco Pannofino, nei panni del mitico regista René Ferretti. Chissà quali saranno i nuovi tormentoni dopo che “smarmella” e “apri tutto” sono entrati nel nostro slang. Boris è legata al nome di Mattia Torre, scomparso nel 2019, che ne era co-sceneggiatore insieme a Luca Vendruscolo e Giacomo Ciarrapico che guideranno la nuova stagione anche nel nome del compianto amico e collega.

Non c’è ancora una data del ritorno di Boris, forse fine 2021 o 2022, ma intanto il catalogo di Star vi farà compagnia con nuovi e vecchi titoli firmati Disney Television Studios, FX e 20th Century Fox. Fra gli Star Original la nuova serie TV di David E. Kelley, il papà di Ally McBeal e Big Sky; Godfather of Harlem con il premio Oscar Forest Whitaker (disponibili anche i film L’Ultimo Re di Scozia e Donne – Waiting To Exhale quest’ultimo da lui anche diretto). Kate McKinnon è la star della miniserie The Dropout, mentre Rosario Dawson e Will Chase raccontano il dramma della dipendenza in Dopesick. Love, Victor è un teen drama firmato dagli ideatori di This Is Us spin-off del film Tuo, Simon che raccontava la vita del liceale gay Simon fra amici, amore e un cyber bullo. Su Star anche le stagioni di molte serie di culto.

La vita dell’agente federale Jack Bauer (Kiefer Sutherland) è scandita ora per ora nei 24 episodi delle otto stagioni di 24. Prima di dirigere The Avengers, Joss Whedon ha creato Buffy – L’Ammazzavampiri: Buffy Summers è una cacciatrice di vampiri e demoni che sovverte le regole degli horror: è carina ma non sarà lei la prima a morire. Grey’s Anatomy ha lanciato Shonda Rhimes nell’olimpo della TV: su Star è possibile vedere tutte le (dis)avventure medico-sentimentali di Meredith Grey (Ellen Pompeo) e colleghi, i più amati degli ultimi anni (come non ricordare Patrick Dempsey).

Fra i titoli: le indagini paranormali di X-Files, doppio J.J. Abrams in Alias e Lost. L’abbonamento al neo-arrivato brand di intrattenimento dà occasione di recuperare anche la sottovalutata The Americans, su due spie del KGB a vivere come la famiglia perfetta negli USA; la divertente Ugly Betty che dimostra che la bruttezza è negli occhi di chi la guarda e la saga familiare Brothers & Sisters – Segreti di Famiglia con il premio Oscar Sally Field e Matthew Rhys.

Sono 260 i film in arrivo il 23 febbraio ed è possibile riguardare alcune fra le saghe di maggior successo negli ultimi anni. Come Alien e i successivi: Aliens – Scontro Finale, Alien3, Alien – La Clonazione, i prequel Prometheus e Covenant e il cross-over Alien vs Predator 2. La saga sci-fi lanciò Ellen Ripley, il tenente interpretato da Sigourney Weaver, ancora oggi uno dei personaggi femminili più importanti della storia del cinema. Distopia protagonista nei “reboot” de Il Pianeta delle Scimmie (Apes Revolution, L’Alba del Pianeta delle Scimmie e The War), nel remake di Tim Burton e in Non Lasciarmi, ispirato all’omonimo best-seller del Nobel Kazuo Ishiguro.

Tanti i titoli “indie” disponibili: Tre Manifesti a Ebbing, Missouri premiato con due Oscar (tra cui quello alla protagonista Frances McDormand); il secondo film di Kenneth Lonergan – premio Oscar per Manchester By The Sea – Margaret con Anna Paquin, Matt Damon, Mark Ruffalo, Jean Reno, Allison Janney e Matthew Broderick, storia di un adolescente in crisi convinta di aver provocato un incidente costato la vita ad una donna. Presenti i tre titoli della coppia Jonathan Dayton e Valerie Faris. Dopo i due Oscar per Little Miss Sunshine (il viaggio degli Hoover per accompagnare la piccola Olive a un concorso di bellezza a bordo di un furgoncino giallo), la coppia ha diretto la storia d’amore Ruby Sparks fra uno scrittore e la sua musa e La Battaglia dei Sessi sui retroscena del match di tennis fra la numero uno, Billie Jean King (Emma Stone), e Bobby Riggs (Steve Carell) ex tennista convinto di poterla battere.

È possibile rivedere alcuni dei film più amati di Wes Anderson. Del visionario regista americano si possono recuperare successi come Il Treno per Darjeeling, Le Avventure Acquatiche di Steve Zissou, il film in stop motion L’Isola dei Cani e Rushmore. Arrivato in Italia direttamente in TV, racconta di Max Fischer, interpretato da Jason Schwartzmann, studente più impegnato in attività extracurricolari che sui libri nella prestigiosa scuola Rushmore. Max stringerà una strana amicizia con il papà dei gemelli che lo bullizzano, interpretato da Bill Murray, ed entrambi s’innamoreranno dell’insegnante elementare Rosemary.

Film romantici come Brooklyn e (500) giorni insieme, horror e di guerra: La Sottile Linea Rossa, capolavoro di Terrence Malick, Good Morning, Vietnam! sullo speaker nel conflitto vietnamita Adam Cronauer, interpretato da Robin Williams, e War Horse di Steven Spielberg. Su Star anche titoli amatissimi negli anni 80: Grosso Guaio a Chinatown mix di azione e commedia; le storie d’amore Non per soldi… ma per amore e Playboy In Prova e la commedia di Mike Nichols Una Donna in Carriera sull’ascesa della giovane segretaria, solo all’apparenza imbranata, Tess McGill (Melanie Griffith).


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares