X
<
>

Marinella Soldi

Tempo di lettura 2 Minuti

Il Cda Rai, riunitosi in viale Mazzini, dopo la votazione della Commissione parlamentare di Vigilanza che ha espresso a maggioranza qualificata parere favorevole alla nomina di Marinella Soldi per la carica di presidente Rai, ha preso atto della conclusione dell’iter procedurale di nomina di Marinella Soldi che ha assunto così la carica di presidente ad ogni effetto, come il Tesoro aveva indicato.

Da quando nel 1994 Letizia Moratti divenne la prima donna a diventare presidente della Rai, le donne hanno conquistato il posto più prestigioso di Viale Mazzini (anche se è l’a.d. il capozienda) in altre quattro occasioni, addirittura in tre degli ultimi quattro mandati.

Nel 2003 la poltronissima toccò a Lucia Annunziata che tenne la carica per 14 mesi. Più lungo l’incarico delle altre due, Anna Maria Tarantola (8 giugno 2012-5 agosto 2015) e Monica Maggioni (6 agosto 2015-26 luglio 2018).

Ora è stata eletta presidente della Rai, con i voti della commissione Vigilanza Rai e la ratifica del cda di Viale Mazzini Marinella Soldi, la quinta donna a ricoprire l’incarico.

La Soldi ha ottenuto 29 voti, 2 più del quorum necessario all’elezione. I voti contrari sono stati 5, le schede bianche 3.

I due commissari di Fratelli d’Italia non hanno partecipato al voto. Probabilmente perché si sta lavorando per il riposizionamento di Giampaolo Rossi, l’uomo di fiducia di Giorgia Meloni in Rai che non è stato confermato dal Parlamento nel cda di Viale Mazzini. Per Rossi si parla di una poltrona da dg a fianco dell’ad Fuortes nominato dal governo, oppure un ruolo di responsabilità a RaiCom. Marinella Soldi una manager molto titolata, presidente della Fondazione Vodafone Italia. È cresciuta a Londra e si è laureata in Economia presso la London School.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA