X
<
>

Karine Elharrar, ministra israeliana dell'Ambiente

Condividi:

Naftali Bennett e Boris Johnson hanno concordato che la ministra dell’ambiente israeliano Karine Elharrar sia presente al loro incontro di oggi dopo che ieri non ha potuto partecipare alla Cop26 perché la conferenza era inaccessibile alle persone in carrozzella.

Per due ore – secondo l’ufficio stampa della ministra – gli organizzatori della Cop26 hanno impedito ad Elharrar, che soffre di distrofia muscolare, di entrare nel compound con il veicolo con il quale era arrivata.

Le è stato quindi offerto di usufruire di una navetta ma si è scoperto che questa non era idonea al trasporto delle persone in sedia a rotelle. A questo punto ad Elharrar non è rimasto che tornare nel suo albergo ad Edimburgo.

“È stata una condotta scandalosa e non sarebbe dovuta avvenire”, ha denunciato Elharrar aggiungendo di non aver potuto raggiungere gli obiettivi della sua trasferta a Glasgow.

L’ambasciatore inglese in Israele Neil Wigan in un tweet ha chiesto scusa alla Elharrar per l’incidente, mentre Bennett ha disposto che l’auto della Elharrar faccia parte del suo convoglio ufficiale in modo da poter raggiungere senza problemi l’area centrale del summit. 


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA