X
<
>

Domenico Zambetti

Condividi:

MILANO – È uscito dal carcere di Opera per espiare la pena a casa l’ex assessore lombardo alla casa Domenico Zambetti, condannato definitivamente lo scorso marzo a sette anni e mezzo di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa, voto di scambio e corruzione aggravata dal fatto di aver agevolato la ‘ndrangheta.

Ad accogliere la richiesta di detenzione domiciliare per motivi di salute avanzata da Zambetti, attraverso l’avvocato Corrado Limentani, è stato il Tribunale di Sorveglianza di Milano in base anche a una perizia con cui è stata stabilita la sua incompatibilità con il regime carcerario.

I giudici, che rivaluteranno la situazione dell’ex assessore tra due anni, hanno quindi, ritenuto che per le sue gravi condizioni psichiche e non curabili in ospedale, l’unico luogo in cui possa scontare la pena sia la sua abitazione, in un contesto familiare.

«È stato un atto di giustizia», ha affermato il difensore, dato che in poco più di 9 mesi il suo assistito ha perso addirittura 35 chili ed ha avuto gravi problemi psichiatrici e psicologici.

«Speriamo che ora si possa riprendere», ha aggiunto. Al momento del suo ingresso nella casa di reclusione milanese, Zambetti, con un presofferto di sei mesi, doveva espiare sette anni di reclusione.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA