X
<
>

Un treno Frecciarossa

Condividi:

FIRENZE – Il nodo ferroviario di Firenze è da questa mattina fortemente rallentato per un guasto, dovuto, afferma Fs, ai “sistemi di gestione della circolazione”. Il guasto è stato “risolto”, assicura Fs, e i ritardi sono in “progressiva diminuzione”.

Dalle 7 i ritardi si sono progressivamente accumulati tra la rabbia degli utenti, che si è espressa sui social. Il guasto si è verificato a Firenze Campo Marte. Alle 10.15 Fs indicava “un traffico fortemente rallentato”, con un “tempo di percorrenza fino a 120 minuti per i treni in viaggio”.

Le corse coinvolte nei ritardi sono state quasi 50 e alcune parzialmente cancellate, tra cui diversi Frecciarossa verso il sud e il nord e numerosi regionali.

Dalla prima mattina, spiega una nota di Fs, la circolazione per i treni alta velocità in direzione Nord e Sud e per i regionali in arrivo e in partenza da Firenze era rallentata. Prima gli ostacoli in linea fra Orte e Orvieto, linea Direttissima Roma – Firenze, rimossi dal personale di Rfi, e poi dei guasti tecnici nel nodo di Firenze hanno creato ritardi anche consistenti. I tecnici di Rfi hanno risolto il guasto agli impianti che gestiscono il nodo di Firenze-Campo di Marte. è prevista la graduale ripresa della normale circolazione.

Rfi mantiene un presidio tecnico per assicurare il corretto funzionamento degli impianti. Attiva l’assistenza di Trenitalia nelle principali stazioni e attraverso l’invio di mail e sms ai passeggeri interessati.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA