X
<
>

Una delle ultime foto pubblicate sul suo profilo Instagram da Dean Berta Vinales

Tempo di lettura 2 Minuti

JEREZ DE LA FRONTERA (SPAGNA) – Dramma nel del motociclismo: il pilota Dean Berta Vinales, è morto ad appena 15 anni sul circuito di Jerez, a causa di un incidente avvenuto durante la gara di SuperSport 300. Il pilota è caduto alla curva 1, venendo poi investito da altri concorrenti.

Cugino di Maverick, il pilota spagnolo ha riportato gravi lesioni alla testa e al torace. Sul posto sono immediatamente giunti mezzi sanitari e Dean Berta Vinales è stato soccorso in pista, in ambulanza e presso il centro medico del circuito.

L’incidente, che ha interrotto la gara, era avvenuto all’undicesimo giro. Una caduta alla curva 2 che aveva coinvolto, oltre al 15enne pilota spagnolo del Viñales Racing Team, anche Harry Khouri (Fusport – RT Motorsports by SKM – Kawasaki), Daniel Mogeda (Team#109 Kawasaki) e Alejandro Carrion (Kawasaki GP Project).

La Superbike ha annunciato che tutto il programma di oggi è stato annullato.

“Il pilota – riferisce la Superbike con una nota – ha riportato gravi lesioni alla testa e al torace a seguito dell’incidente. Sul posto sono immediatamente giunti mezzi sanitari e il pilota è stato soccorso in pista, in ambulanza e presso il centro medico del circuito” si legge.

“Nonostante gli sforzi del personale medico del circuito, il Medical Center ha annunciato che Berta Viñales ha purtroppo ceduto alle ferite riportate. La FIM, la Dorna e il Circuito de Jerez-Angel Nieto trasmettono le più sentite condoglianze alla famiglia, agli amici, al team e ai loro cari di Berta Viñales” si legge ancora nella nota.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA