X
<
>

L'intervento telefonico di Silvio Berlusconi

Condividi:

“Siamo i primi sostenitori di questo governo che continua a seguire molte delle nostre proposte” “e siamo convinti che il lavoro del governo Draghi debba andare avanti fino al 2023 e anche oltre, per consolidare l’inizio della ripresa che è ancora molto fragile ed esposta a molti rischi”.

Per il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, il premier Mario Draghi deve restare al suo posto. Solo “dopo il 2023 saranno gli italiani a scegliere. Il centrodestra per vincere e governare deve avere un forte profilo liberare, sta a noi lavorare perché questo avvenga in leale collaborazione con i nostri alleati, che hanno un ruolo e una funzione che è diversa dalla nostra”, ha detto il leader azzurro durante una telefonata alla manifestazione di Forza Italia Sicilia in corso a Mazara del Vallo, “La nostra Forza”, una tre giorni che si chiude oggi con l’intervento del leader azzurro e voluta dal coordinatore regionale Gianfranco Miccichè e dall’assessore regionale all’Agricoltura Toni Scilla.

Per Berlusconi “Forza Italia è una grande forza politica nazionale che al Sud continua ad avere molti dei suoi risultati migliori: la recentissima vittoria in Calabria ha confermato che sono i nostri uomini, le nostre idee e i nostri valori che definiscono il profilo di un centrodestra che vince. Questo centrodestra lo abbiamo inventato noi nel 1994 con la nostra discesa in campo, che ha cambiato per sempre i connotati della politica nel nostro Paese”. Il leader forzista ha poi ringraziato gli organizzatori per aver “rivendicato l’identità, l’orgoglio dei nostri valori, della nostra coerenza e della nostra storia”.

“Sta a noi occupare il centro dello scenario politico, perché l’Italia ha bisogno di essere governata da un centro forte, alleato con la destra democratica. E quello che dobbiamo fare è accogliere persone, idee, progetti da offrire ad un’opinione pubblica giustamente scettica verso questa politica. E questa destra liberale non può che essere Forza Italia. Non è una questione di leadership – ha aggiunto Berlusconi – un problema del quale si parla troppo spesso e che produce tensioni inutili, ma dobbiamo raccogliere persone e idee da offrire ad una opinione pubblica giustamente scettica nei confronti della politica”.

Poi tornando al governo, Berlusconi ha precisato: “Noi siamo i primi sostenitori di questo governo che accoglie moltissime delle nostre proposte, a partire dalla campagna vaccinale e dal Green pass, che amo chiamare con il suo vero nome, passaporto sanitario, che ha consentito finora di controllare la quarta ondata della pandemia permettendo all’Italia di rimanere aperta a differenza di quanto accade in alti paesi. Tutto questo ha reso possibile una ripresa economica che ha indicatori migliori rispetto a quelli di altre nazioni”.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA