X
<
>

Roberto Speranza

Tempo di lettura 2 Minuti

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato una nuova ordinanza con cui si dispone il passaggio da una zona all’altra di diverse regioni nell’ambito della gestione della pandemia da coronavirus.

In particolare, dopo che nell’ultimo monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di sanità si è evidenziato come la curva epidemiologica stia tornando a crescere, con le varianti del virus che hanno preso a circolare con grande frequenza in tutta Italia, il ministro della Salute ha indicato quali Regioni cambieranno colore da lunedì prossimo, 8 marzo.

La Campania passa in zona rossa, il Veneto e il Friuli Venezia Giulia in zona arancione. I cambi di colore, come da nuovo dpcm del Governo Draghi, saranno effettivi a partire da lunedì. Tra le novità del nuovo Dpcm c’è anche la chiusura, per le regioni in zona rossa, di tutte le scuole di ogni ordine e grado e l’esclusione dei barbieri e parrucchieri dai servizi essenziali,

Da quella data, dunque, in zona rossa saranno Campania, Basilicata e Molise. In arancione ci sono Veneto, Friuli Venenzia Giulia, Lombardia (che “ha parametri da zona arancione”, ma con la raccomandazione “di adottare il massimo livello di mitigazione” per cui sarà in una sorta di arancione rinforzato), Abruzzo, Emilia Romagna, Marche, Piemonte, Umbria, Toscana e le province autonome di Bolzano e Trento. Nella Zona gialla restano Liguria, Lazio, Calabria, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta.
In Zona bianca la sola Sardegna.

Il monitoraggio settimanale evidenzia «una ulteriore accelerazione nell’aumento dell’incidenza a livello nazionale (195 casi per 100.000 abitanti nella settimana 22-28 febbraio 2021). L’incidenza nazionale si sta quindi rapidamente avvicinando alla soglia di 250 casi/settimana per 100.000 abitanti che impone il massimo livello di mitigazione possibile. Tale soglia è stata superata questa settimana in cinque Regioni/PPAA».

In particolare, «si conferma per la quinta settimana consecutiva un peggioramento nel livello generale del rischio. Aumenta il numero di Regioni/PPAA classificate a rischio alto (6) ai sensi del DM 30/4/2020. Ben 9 Regioni/PPAA, classificate a rischio moderato, sono ad alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane. Soltanto una Regione è a rischio basso».

Infine nel monitoraggio «si ribadisce, anche alla luce dell’aumento sostenuto della prevalenza di alcune varianti virali a maggiore trasmissibilità, di mantenere la drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone e della mobilità. Analogamente a quanto avviene in altri paesi Europei, si rende necessario un rafforzamento/innalzamento delle misure su tutto il territorio nazionale al fine di ottenere rapidamente una mitigazione del fenomeno. In presenza di varianti che possono parzialmente ridurre l’efficacia dei vaccini attualmente disponibili, le Regioni/PPAA sono invitate ad adottare, indipendentemente dai valori di incidenza, il livello di mitigazione massimo a scopo di contenimento».


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares