X
<
>

Alcune zone allagate a Palermo

Tempo di lettura < 1 minuto

PALERMO – Due persone sono morte intrappolate in macchina sommersa dall’acqua a Palermo, investita per due ore da una bomba d’acqua che ha trasformato strade e viali in veri e propri fiumi. Il mezzo è rimasto bloccato nel sottopassaggio all’altezza della rotonda di viale Leonardo da Vinci, lungo la circonvallazione della città. Sul posto i vigili del fuoco e il gruppo sommozzatori. 

Due bambini sono stati ricoverati per sintomi di ipotermia, il più piccolo ha nove mesi. I due piccoli sono rimasti intrappolati nella vettura assieme ai genitori lungo la circonvallazione della città.

Tra le situazioni più critiche si registrano quelle in viale Regione Siciliana. L’arteria che attraversa la città è un un fiume in piena: traffico in tilt, macchine trascinate dalla furia dell’acqua e automobilisti, tra cui anziani, che a nuoto cercano di raggiungere un luogo sicuro, abbandonando i mezzi. Sul posto, le forze dell’ordine. Decine, le chiamate al centralino dei vigili del fuoco. I punti più critici sono i sottopassi della circonvallazione, da viale Lazio a via Belgio e via Leonardo da Vinci: automobili rovesciate travolte e trascinate. In centro storico, nella zona di Ballarò, l’acqua, in alcuni vicoli, raggiunge il mezzo metro e le persone restano chiuse in macchina.

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha sottolineato: «Oltre un metro di pioggia è caduta oggi a Palermo in meno di 2 ore. La pioggia più violenta nella storia della città almeno dal 1790, pari a quella che cade in un anno».


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares