X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

UN TRIBUNALE dell’Aia, nei Paesi Bassi, ha stabilito che entro il 2030 la grande società petrolifera Royal Dutch Shell, più nota come Shell, dovrà ridurre le proprie emissioni di gas serra del 45 per cento rispetto ai livelli del 2019.

È una riduzione molto più alta di quella promessa da Shell, che a febbraio aveva detto che entro il 2030 avrebbe ridotto le emissioni del 20 per cento rispetto ai livelli del 2016 (ovvero i livelli registrati due anni prima del raggiungimento del suo picco di emissioni).

Secondo la decisione del tribunale il modello di business di Shell «mette a rischio il rispetto dei diritti umani e le vite delle persone» perché minaccia il raggiungimento degli obiettivi fissati dall’accordo sul clima di Parigi del 2015.

L’accordo – il cui obiettivo è evitare che le temperature medie globali aumentino di più di 2 °C rispetto ai livelli pre-industriali, e preferibilmente restino sotto 1,5 °C di aumento – è un impegno preso tra paesi, e non tra aziende, ma il tribunale dell’Aia ha osservato che per via delle sue emissioni di gas serra Shell ha un impatto sul cambiamento climatico maggiore di quello di molti paesi del mondo.

Milieudefensie, una delle sette organizzazioni ambientaliste che a nome di 17.200 cittadini olandesi avevano portato Shell in tribunale, ha detto che è la prima volta nel mondo che un’azienda energetica viene obbligata legalmente a rispettare l’accordo di Parigi.

La decisione del tribunale, contro cui Shell può fare appello, è legalmente vincolante solo nei Paesi Bassi (l’azienda ha la sua sede principale proprio all’Aia), ma potrebbe ispirare nuovi procedimenti giudiziari contro altre grandi aziende petrolifere europee, tra cui l’italiana Eni.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA