X
<
>

Golemic festeggia dopo la rete del 3-1

Tempo di lettura 4 Minuti

CROTONE – Vittoria corsara della Roma che batte il Crotone allo stadio Ezio Scida con un perentorio 3-1. Partita subito in salita per i calabresi che si vedono piegati nel primo tempo dalla doppietta di Borja Mayoral e dal rigore di Mkhitaryan che consentono alla Roma di proseguire l’ottima marcia in campionato.

L’undici di Fonseca sale a quota 33 punti e avvicina a -3 l’Inter, prossima avversaria all’Olimpico. Ai calabresi di Stroppa, ultimi a 9 punti, non basta la rete di Golemic nella ripresa.

Partenza con il turbo della Roma che, dopo soli otto minuti di gioco, va in vantaggio. Borja Mayoral si muove bene e viene raggiunto da un ottimo passaggio di Mkhitaryan in area di rigore: ottima conclusione rasoterra e Cordaz subito battuto. Al minuto 20, i ragazzi di Paulo Fonseca chiedono un calcio di rigore: Bruno Peres va a terra in area calabra, ma il direttore di gara lascia giocare.

Poco prima della mezz’ora, al minuto 27, Simy spreca l’occasione del pareggio: il suo colpo di testa esce di un soffio oltre il palo di sinistra. I padroni di casa non mollano la presa e, sessanta secondi dopo, Messias prova ad impensierire Pau Lopez: l’estremo difensore capitolino è attento e ben posizionato. Simy non molla e prova a trascinare i compagni di squadra: l’attaccante dei calabresi raccoglie un rimbalzo, fa fuori un difensore, ma conclude larghissimo sulla destra. Occasione sprecata.

Gol sbagliato, gol subito. Sul ribaltamento di fronte, la Roma trova il raddoppio. È ancora Borja Mayoral a spedire il pallone in rete, all’incrocio dei pali di destra. Dopo il doppio svantaggio, il Crotone non si perde d’animo, ma la squadra di Stroppa combina un pasticcio al 33′.

Ti potrebbero interessare

Golemic atterra in area di rigore un avversario, l’arbitro Piccinini, dopo il consulto con il VAR, ammonisce il crotonese ed assegna il penalty ai giallorossi. Dal dischetto, Mkhitaryan è preciso e batte Cordaz, portando il risultato sullo 0-3.

A fine primo tempo, è ancora Boja Mayoral il più pericoloso dei suoi. Il suo tiro verso la porta del Crotone, al minuto 45, viene contrastato dalla linea difensiva che respinge la sfera.

Nella seconda frazione di gioco, i ritmi si abbassano. La Roma ha il risultato in cassaforte, ma non abbassa la guardia. Il Crotone fa poco per impensierire la retroguardia ospite. La prima vera occasione dei secondi quarantacinque minuti di gioco è dei giallorossi. Pellegrini, al minuto 65, va alla conclusione senza pensarci due volte: il pallone, destinato al centro della porta, viene parato da un attento Cordaz.

Il Crotone prova a farsi sotto a venti minuti dal termine: Messias, di testa, costringe Pau Lopez ad un super intervento, pallone in calcio d’angolo. Dalla bandierina, Messias mette in mezzo un pallone interessante che finisce sulla testa di Golemic: conclusione di testa e pallone in rete per l’1-3. Gol della bandiera per Stroppa.

A pochi minuti dal termine, Simy prova a sorprendere la difesa giallorossa: conclusione verso l’angolo basso di destra, ma difesa che allontana a pochi centimetri dalla linea di porta. L’ultima occasione della partita arriva dai piedi di Riviere al minuto 94: tiro basso, Pau Lopez costretto all’intervento plastico.

Il commento di Stroppa

«Negli episodi non siamo stati così bravi nel primo tempo, specie a livello caratteriale e ciò è stato trasmesso alla squadra. La Roma in tre occasioni ha fatto tre gol, abbiamo rischiato la debacle ma la squadra ha risposto bene, con equilibrio, giocando in modo più pratico e semplice».

Così il tecnico del Crotone, Giovanni Stroppa ha commentato la sconfitta contro la Roma per 3-1 nel match valevole per la sedicesima giornata di Serie A. “Abbiamo avuto le occasioni, accorciato il risultato. Peccato per quelle 3-4 occasioni che ci potevano portare al 2-3 e da lì a un finale arrembante – ha proseguito l’allenatore rossoblù ai microfoni di Sky Sport – Bisogna lavorare molto meglio, meritiamo di più ma è necessario migliorare la qualità. E quando parlo di qualità intendo l’atteggiamento”, ha concluso Stroppa.

Il commento di Fonseca

«Penso che abbiamo fatto una gara molto seria. Abbiamo rispettato molto l’avversario, un avversario che ha qualità. Specie nel primo tempo, abbiamo fatto una bellissima partita. Nella ripresa l’abbiamo controllata, anche se avremmo potuto gestire meglio le nostre uscite per l’attacco. Ma abbiamo fatto una partita molto buona».

Così Paulo Fonseca, allenatore della Roma, commenta la vittoria dei giallorossi in casa del Crotone. La Roma è riuscita a centrare l’obiettivo di consolidare il terzo posto.

«l nostro obiettivo era vincere questa partita e ci siamo riusciti. Adesso pensiamo al prossimo impegno», ha aggiunto al sito del club.

Roma in campo con un modulo diverso alla gara con la Samp. “Il modulo era lo stesso, ho cambiato solo i giocatori e questo è stato importante: pur cambiando i giocatori, non modifichiamo la nostra identità. La squadra ha giocato come sempre», ha detto Fonseca. Infine se Dzeko e Borja Mayoral possono giocare insieme.

«Penso che adesso la squadra stia giocando bene in questo modo. Non ho necessità di cambiare. Ma in futuro possiamo vedere», ha concluso.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA