X
<
>

Il titolo dell'Economist sul suo sito web

Condividi:

ROMA – L’Italia è il “Paese dell’anno 2021” per “The economist”. La rivista britannica, che assegna il premio, non al Paese “più grande, al più ricco o al più felice”, ma a quello che “è migliorato di più nel 2021”, sceglie Roma – si legge nell’articolo – “non per l’abilità dei suoi calciatori, che hanno vinto l’Europeo, né per le sue pop star, che hanno vinto l’Eurovision Song Contest, ma per la sua politica”.

In particolare, è la sottolineatura, con “Mario Draghi ha acquisito un premier competente e rispettato a livello internazionale”.

Non solo. “Per una volta – mette nero su bianco The Economist – una larga maggioranza dei politici italiani ha seppellito le proprie divergenze per sostenere un programma di profonda riforma” che dovrebbe permettere a Roma di ottenere “i fondi a cui ha diritto nell’ambito del piano di ripresa post-pandemia dell’Ue”.

Apprezzamento, poi, per la strategia messa in atto contro il Covid e per la ripartenza. “Il tasso di vaccinazione contro il Covid in Italia è tra i più alti d’Europa. E dopo un 2020 difficile, la sua economia si sta riprendendo più rapidamente di quelle di Francia o Germania”.

L’Economist, ricorda poi l’articolo, “ha spesso criticato l’Italia per aver scelto leader, come Silvio Berlusconi, che avrebbero potuto utilmente seguire l’ammonimento della canzone vincitrice dell’Eurovision a stare “zitto e buono”. A causa del Governo debole, gli italiani erano più poveri nel 2019 rispetto al 2000. Eppure quest’anno l’Italia è cambiata”.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA