X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

Lo scambio tra piano Marshall per il Sud e autonomia differenziata per il Nord messo così è la sintesi algebrica di due idiozie, una pentastellata l’altra leghista, che producono il solito pieno di parole al vento e la concreta polverizzazione dell’Italia.

Il primo (piano Marshall) ha senso se esprime un posizionamento strategico del Paese finalmente consapevole che se non vuole continuare con le crescite dello 0,1/0,2% (se tutto va bene) ha l’obbligo di porre come priorità economica condivisa la modernizzazione dell’ambiente infrastrutturale del Mezzogiorno. Non si tratta di fare un favore al Sud e di restituirgli il maltolto di spesa pubblica negli ultimi dieci anni – cosa tanto vera quanto miope tristemente accaduta – ma piuttosto di consentire al Nord di bloccare la spirale assistenzialista in cui si è avviluppato da solo facendo incetta di risorse pubbliche sottratte indebitamente alle regioni meridionali.

L’Italia tornerà a crescere per davvero e a contare qualcosa in Europa e nel mondo se recupererà alla frontiera della produttività e dell’attrazione di investimenti il suo Mezzogiorno e garantirà, in questo modo, ai prodotti ideati e fabbricati nel CentroNord un rilevante mercato di sbocco interno messo duramente a rischio dai saccheggi subiti. Con un reddito procapite del Sud che arrivasse a scendere sotto la metà di quello del Nord non solo non ci sarebbe più l’Italia ma crollerebbero consumi e reddito. Usciremmo definitivamente dal novero delle economie industrializzate.

La seconda (autonomia differenziata) ha senso se una discussione incanalata in un percorso istituzionalmente corretto potrà servire a garantire la ineludibile operazione verità sulla distorsione a favore dei ricchi operata attraverso il marchingegno della spesa storica e la ricostruzione puntuale dei flussi di spesa pubblica allargata che certifichi la violazione avvenuta dei principi fondanti costituzionali, contabili e federali.

PER CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI PER ACQUISTARE L’EDIZIONE DIGITALE DE IL QUOTIDIANO DEL SUD


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares