X
<
>

David Sassoli

Tempo di lettura < 1 minuto

ROMA – «Per ora non ci sono ritardi, siamo ancora in orario, i negoziati vanno avanti e come ho già detto si può chiudere in cinque minuti e arrivare presto ad un accordo politico. C’è bisogno però che i governi si mettano d’accordo, altrimenti si rischia uno slittamento».

Lo afferma in un’intervista al quotidiano La Repubblica il presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, in merito ai negoziati sul Recovery Fund.

«Siamo nel pieno delle trattative ed è normale che ci siano spinte per condizionare il risultato. Bisogna restare freddi, concentrarci sulle soluzioni e non è utile che i governi scarichino sul Parlamento le loro difficoltà a trovare un’intesa”, prosegue.

Al termine dell’ultima riunione di giovedì scorso le trattative sono state dichiarate interrotte dal Parlamento. “L’incontro – spiega Sassoli – è stato interrotto perchè la presidenza tedesca (che rappresenta i governi, ndr) ha detto che non aveva il mandato per discutere l’incremento ai finanziamenti dei 15 programmi che il Parlamento chiede di sostenere, e così i nostri negoziatori hanno detto che era meglio riprendere quando avrà ottenuto questo mandato».

E alla domanda se sia possibile un accordo già al Consiglio europeo di giovedì e venerdì, risponde così: «Dipende se la presidenza tedesca avanzerà proposte che tengano conto delle aspettative del Parlamento. Penso che dalle riunioni di lunedì e mercoledì si capirà la volontà politica di chiudere l’accordo. Poi toccherà ai parlamenti nazionali. Dobbiamo fare in fretta, ma bene».

In collaborazione con Italpress

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares