X
<
>

L’ambasciatore italiano Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci

Tempo di lettura 2 Minuti

ROMA – L’ambasciatore italiano nella Repubblica Democratica del Congo Luca Attanasio e un carabiniere, Vittorio Iacovacci, sono morti in seguito a un attentato avvenuto a Goma. Lo conferma la Farnesina, che esprime “profondo dolore” per la vicenda.

L’ambasciatore e il militare dell’Arma stavano viaggiando a bordo di un’auto in un convoglio della MONUSCO, la missione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per la stabilizzazione nella Repubblica Democratica del Congo.

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha appreso la notizia mentre era al Consiglio Affari Esteri dell’Ue a Bruxelles. Di Maio ha manifestato “immenso dolore per l’accaduto”.

«Ho accolto con sgomento la notizia del vile attacco che poche ore fa ha colpito un convoglio internazionale nei pressi della citta di Goma uccidendo l’ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. La Repubblica Italiana è in lutto per questi servitori dello Stato che hanno perso la vita nell’adempimento dei loro doveri professionali in Repubblica Democratica del Congo», afferma il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato al ministro Di Maio.

«Nel deprecare questo proditorio gesto di violenza, gli italiani tutti si stringono nel cordoglio intorno alle famiglie delle vittime, cui desidero far pervenire le condoglianze più sentite e la più grande solidarietà», conclude il capo dello Stato.

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, esprime «profondo cordoglio del Governo e suo per la tragica morte di Luca Attanasio, ambasciatore d’Italia nella Repubblica Democratica del Congo, e di Vittorio Iacovacci, appuntato dei Carabinieri che lo accompagnava a bordo di un convoglio a Goma». Il presidente del Consiglio e il Governo “si stringono ai familiari, ai colleghi della Farnesina e dell’Arma dei Carabinieri». La Presidenza del Consiglio segue con la massima attenzione gli sviluppi in coordinamento con il ministero degli Affari Esteri.

«Apprendiamo con dolore la terribile notizia della morte dell’ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio e del carabiniere, Vittorio Iacovacci. Erano due servitori dello Stato che operavano per costruire la pace».

Con queste parole i padri minimi di San Francesco del Santuario di Paola hanno espresso il loro dolore per l’attentato avvenuto in Congo. «Affidiamo a San Francesco – hanno concluso – le nostre preghiere per Luca, Vittorio e per le loro famiglie. Si unisce a questa accorata preghiera anche la comunità congolese dei Minimi».


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares