X
<
>

Papa Francesco Incontra Viktor Orban

Tempo di lettura 2 Minuti

BUDAPEST – In privato nella Sala Romanica del Museo delle Belle Arti Francesco ha incontrato questa mattina il presidente, il premier e il vice premier d’Ungheria, prima di parlare ai vescovi e ai rappresentanti ecumenici per poi spostarsi nella Piazza degli Eroi per la Messa.

Lo riferisce Vaticannews. La chiusura del Congresso Eucaristico Internazionale a Budapest è il cuore della visita del Papa in Ungheria. Sulla stessa Piazza degli Eroi dove si svolge la Messa questa mattina, si affaccia il Museo delle Belle Arti che custodisce una collezione internazionale di opere d’arte e racchiude la storia del Paese.

Nelle sue Sale il Papa ha scelto di svolgere gli incontri con autorità e rappresentanze religiose d’Ungheria. I primi ad incontrare il Papa, accompagnato dal segretario di Stato il cardinale Pietro Parolin e il segretario per i Rapporti con gli Stati monsignor Paul Richard Gallagher, sono stati il Presidente della Repubblica Janos Ader, il primo ministro Viktor Orban e il vice primo ministro Zsolt Semjèn, che hanno accolto Francesco al suo arrivo nell’edificio neoclassico.

L’incontro – fa sapere la Sala Stampa vaticana – si è svolto secondo il programma previsto, in un clima cordiale, ed è terminato alle ore 9.25. Dunque circa una quarantina di minuti, da programma. Tra i vari argomenti trattati – spiega ancora la Sala Stampa – il ruolo della Chiesa nel Paese, l’impegno per la salvaguardia dell’ambiente, la difesa e la promozione della famiglia.

All’incontro è seguito lo scambio dei doni. Al presidente Ader, Francesco ha donato un quadro in mosaico raffigurante la “Benedizione papale a piazza San Pietro” da un dipinto ad olio di Ippolito Caffi eseguito verso la metà dell’800 e oggi conservato nel Museo di Roma, al Primo Ministro Orban il pontefice ha donato un Trittico.

In collaborazione con Italpress


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA