X
<
>

La polizia russa all'esterno del Teatro Bolshoi

Tempo di lettura < 1 minuto

MOSCA – Un attore di 37 anni, Yevgeny Kulesh, è morto schiacciato dalla caduta di un pezzo di scenografia durante uno spettacolo del Teatro Bolshoi a Mosca. Lo ha confermato il celebre teatro, dopo che gli spettatori avevano raccontato l’accaduto sui social. Sulla vicenda è stata aperta un’indagine e lo spettacolo è stato cancellato.

L’incidente è avvenuto durante Sadko, un’opera del XIX secolo del compositore russo Nikolai Rimsky-Korsakov, mentre veniva cambiata la scenografia. Lo spettacolo è stato interrotto e agli spettatori è stato chiesto di lasciare la sala.

Su Telegram alcuni presenti hanno raccontato di aver pensato inizialmente ad un trucco scenico, ma di aver poi capito la tragica realtà quando qualcuno sul palco ha urlato: “chiamate l’ambulanza, c’è del sangue”.

Sulla morte dell’attore è stata aperta un’inchiesta. Gli inquirenti hanno precisato che l’uomo era rimasto ferito ed è morto prima dell’arrivo dell’ambulanza.

Non è la prima volta che al Bolshoi si verifica un incidente mortale: nel 2013, un violinista è morto dopo essere caduto nella fossa dell’orchestra.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA