X
<
>

Sylvester Stallone, ospite al Giffoni Film Festival

Tempo di lettura 3 Minuti

IL DPCM del 17 agosto non riguarda cinema e arene, salvando dal provvedimento anche lo spettacolo dal vivo che – in questi mesi estivi – sta cercando di risollevarsi con allestimenti il più possibile essenziali, con pochi attori sulla scena all’interno di grandi anfiteatri per un numero esiguo di spettatori. Certo, dalle ore 18 vige per tutti la norma della mascherina, ma solo in luoghi dove si potrebbero creare assembramenti. Sarà bene indossarla facendo la fila in biglietteria, nei foyer e negli spazi antistanti un evento prima di accedere ad uno spettacolo o di entrare in sala. Ma una volta entrati, in un ambiente sanificato e con i posti distanziati, gli spettatori potranno godersi il film, il concerto da camera o la messa in scena accanto ai propri congiunti senza dover indossare la mascherina.

È una notizia non da poco conto, soprattutto per il cinema, se si pensa che proprio oggi centinaia di sale riaccenderanno i propri proiettori in occasione dell’uscita di due film molto attesi, il thriller ad altissima tensione “Gretel e Hansel” e, soprattutto, il family “Onward – Oltre la magia”, il cartoon Disney – Pixar che in un’epoca preCovid avrebbe fatto incetta di milioni di euro e che ora farà da test per capire quanta strada c’è ancora da fare prima di giungere ad una parvenza di normalità.

Su questo c’è da ringraziare la Disney che, per il suo “Mulan” ritirato dalle sale e mandato direttamente su Disney+ è stata messa in croce, con tanto di rivolta degli esercenti che senza un film del genere si sono visti precludere buoni incassi. Lo avrebbe potuto fare anche stavolta la holding californiana che, nel 2023, compirà 100 anni, soprattutto per il fatto che il film (apprezzato dall’88% degli spettatori che lo hanno visto secondo un sondaggio su Google) ha già incassato nel mondo oltre 110 milioni di dollari (sarebbe dovuto uscire da noi il 5 marzo). Giorni e settimane a dir poco cruciali per un settore colpito in pieno se non addirittura asfaltato dalla pandemia, ma pronto a riconquistare lentamente il terreno perduto.

Tra sette giorni arriverà l’attesissimo “Tenet”, il fantathriller di Cristopher Nolan che sancirà il via ufficiale della stagione, con la totalità delle sale che a quel punto saranno aperte, per tirare la volata ad un altro blockbuster molto atteso, “After 2”, proprio in contemporanea con l’avvio della Mostra del Cinema di Venezia.

GIFFONI

E intanto oggi parte Giffoni, uno dei festival più prestigiosi del panorama nazionale, il più importante dedicato ai giovanissimi e alle nuove generazioni. L’emergenza sanitaria non ha compromesso la 50a edizione della celebre kermesse in programma fino alla fine del mese a Giffoni Valle Piana, nel salernitano, costretta a moltissime limitazioni, con ingressi contingentati e in forma ibrida, con le presenze di Richard Gere e Sylvester Stallone (rispettivamente giovedì 20 e venerdì 21) affidate allo streaming in collegamento dagli Stati Uniti. Il direttore artistico Claudio Gubitosi ha cercato di comporre un programma fatto di grandi eventi classici (“E.T”, “L’Attimo fuggente”), anteprime e omaggi, come quello dedicato alle Winx alla presenza del suo padre e fondatore Iginio Straffi o al leggendario Alberto Sordi con il documentario “Ciao Alberto. L’altra storia di un italiano” di Antonello Sarno.

LA PUGLIA IN AMERICA

Intanto uno degli attori più popolari italiani, Lino Banfi, ha preso parte da ieri alle riprese di “Viaggio a sorpresa”, commedia on the road italo-americana volta a promuovere l’immagine della Puglia negli Stati Uniti e, soprattutto, ad aprire il mercato internazionale al Primitivo di Manduria doc firmato Moss. Esatto, Ron Moss, il famoso Ridge di “Beautiful” che, come campagna di marketing per lanciare la sua linea di vini ha scelto il cinema (la regia è di Roberto Iza Baeli). Il film forse non sarà un capolavoro ma il vino, pare, sia molto buono.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares