X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

ROMA – Il governo Conte ottiene la fiducia a Palazzo Madama con una maggioranza relativa. I numeri per il governo Conte, dopo la maggioranza assoluta sancita ieri alla Camera dei Deputati, si sono ristretti al Senato come ampiamente previsto.

Alla fine, dopo il giallo sul voto in extremis prima negato e poi concesso al senatore Alfonso Ciampolillo del M5S grazie al ricorso al video richiesto dalla presidente del Senato Casellati, l’esecutivo ha ottenuto 156 voti favorevoli, 140 contrari e 16 astenuti. Italia viva, come già precedentemente annunciato, ha optato per l’astensione, ma i voti del partito di Renzi inizialmente previsti erano 18. Il senatore Riccardo Nencini, anche lui coinvolto nella bagarre della chiama, ha votato la fiducia.

Caos in Forza Italia per i sì concessi da Maria Rosaria Rossi e Andrea Causin. I due dissidenti sono stati scaricati dal partito a voto ancora in corso.

Giorgia Meloni e Matteo Salvini hanno annunciato di voler incontrare il Presidente della Repubblica Mattarella. «Il governo non ha la maggioranza assoluta – ha dichiarato la leader di fratelli d’Italia – non può andare avanti.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA