X
<
>

Mario Draghi

Tempo di lettura 2 Minuti

IL presidente incaricato Mario Draghi ha sciolto la riserva ed ha accettato l’incarico di formare il nuovo governo consegnando al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, la lista dei ministri. Il giuramento del nuovo governo avverrà domani mattina, sabato 13 febbraio alle ore 12.

Mario Draghi ha comunicato la composizione del governo che conta 23 ministri in tutto (otto sono le donne scelte dall’ex presidente della Bce per entrare nel suo primo esecutivo).

Dei 23 ministeri indicati da Draghi 9 sono senza portafoglio e 14 con portafoglio, anche se per il Turismo è prevista l’istituzione di un apposito ministero con portafoglio:

Ministri senza portafoglio

Federico D’Incà – Rapporti Parlamento

Vittorio Colao – Innovazione Tecnologica e la transizione digitale

Renato Brunetta – Pubblica Amministrazione

Maria Stella Gelmini – Affari generali e autonomie

Mara Carfagna – Ministro per il Sud e coesione territoriale

Fabiana Dadone – Ministro per le politiche giovanili

Elena Bonetti – Pari Opportunità e famiglia

Erika Stefani – Ministro per le disabilità

Massimo Garavaglia – Coordinamento iniziative nel turismo e ministro del turismo

Ministri con portafoglio

Luigi Di Maio – Ministro degli Affari Esteri

Luciana Lamorgese – Ministro dell’Interno

Marta Cartabia – Ministro per la Giustizia

Lorenzo Guerini – Ministro della Difesa

Daniele Franco – Ministro dell’economia e delle Finanze

Giancarlo Giorgetti – Ministro dello sviluppo economico

Stefano Patuanelli – Ministro delle politiche agricole e alimentari

Roberto Cingolani – Ministro per la transizione ecologica (ex Ministro dell’Ambiente)

Enrico Giovanni – Ministro dei Trasporti

Andrea Orlando – Ministro del Lavoro

Patrizio Bianchi – Ministro dell’Istruzione

Cristina Messa – Università e ricerca

Dario Franceschini – Beni e attività culturali e turismo (ministro della cultura)

Roberto Speranza – Ministro della Salute

Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio: Roberto Garofoli


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares