X
<
>

Pierdinando Casini

Tempo di lettura < 1 minuto

Come Churchill, Pierferdinando Casini ha capito dove si va a parare. Matteo Salvini è destinato al processo, alla sbarra non per corruzione o appropriazione indebita ma per un reato legato alla sua attività politica e la vicenda va dunque a parare nel braccio giudiziario come strumento di lotta politica.

Quello che oggi capita a Salvini può capitare domani a Zingaretti. Questo il discorso di Casini. Ed è stato come al Processo di Norimberga. Il nemico non è più un vinto ma un imputato e Churchill, scettico, borbotta: “Per non ritrovarci alla forca ci toccherà vincere anche la prossima guerra”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares