X
<
>

Le ricerche dell'uomo armato nella Foresta Nera (nel riquadro)

Condividi:

Lo chiamano Rambo ma Yves Rausch, 31 anni, ex ferroviere, non è un film, piuttosto è un libro, un grande libro diventato vita vera quando domenica scorsa, a Oppenau, punta una pistola ai poliziotti arrivati per arrestarlo, li disarma e si dà alla macchia, anzi: passa al bosco. Braccato da cani, droni ed elicotteri Rausch abita il profondo della Foresta Nera, porta con sé arco, frecce, pugnali, non riescono a prenderlo e così, tutta la teoria della letteratura, si svela nel ribelle. Non è insomma Hollywood, è Ernst Jünger: il Waldgänger. È l’addio al mondo, è il sì a se stesso.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA