X
<
>

Giorgio Panariello

Condividi:

Ogni fratello è figlio unico. E l’infelicità, insegna Anna Karenina, è sempre un dolore al singolare. Due bambini che fanno famiglia sono l’uno specchio dell’altro. Entrambi senza scampo. E quello che da lontano sembra poesia, un libro che si legge, è il racconto di Giorgio Panariello in cerca del fratello Francesco ritrovato sul tavolo di un obitorio. Un incendio di dolore. Un ago al braccio, pochi soldi e un documento. L’infanzia al collegio, l’adozione e l’abbandono. Il cerchio che si chiude in un’aiuola sul lungomare di Viareggio in una mezzanotte che non arriva all’alba: “Io sono mio fratello”. Ognuno è fratello a se stesso.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA