X
<
>

Una stazione ferroviaria ai tempi del Coronavirus

Condividi:

Il rientro al Sud nelle vacanze di Natale non è solo una necessità degli affetti per i meridionali emigrati al Nord. È un bisogno materiale verso chi è rimasto nei paesi e in quell’immensa provincia italiana resa sempre più deserta. È un’iniezione di benessere per il Sud godere già solo per una settimana del ritorno di figli, nipoti, zii e vario parentato. Arrivano comunque soldi: fosse solo per mettere a cuocere quel chilo di pasta in più. Un po’ come le rimesse dei lavoratori partiti per l’estero quando negli anni ’60 e ’70, aggiustando le proprie casette, ebbero a far ricco il Mezzogiorno e risolvere così il primo dei problemi: mangiare all’una.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA