X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

A Erto, 350 anime tra le valli e le Dolomiti friulane, la soppressione delle campane muove a battaglia la cittadinanza che il din-don-dan lo vuole, altroché, anche sotto la luna. Gli irriducibili montanari rivogliono i rintocchi notturni perché sono loro – nel segnare il tempo – il respiro della valle. Accompagnano, infatti, le slavine che scivolano dal monte Toc. E così il ritorno del Venerdì Santo, quello che nel XVII secolo salvò Erto dalla peste. Come ieri, e così con la peste di oggi. E gli ertani vogliono Erto per dov’era e com’era, col campanile che restituì alla vita gli sfollati del Vajont.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

  •  
  • 160
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares