X
<
>

La conferenza stampa di Giuseppe Conte all'esterno di Palazzo Chigi

Tempo di lettura < 1 minuto

L’affanno di Giuseppe Conte e di Enrico Letta – candidati alle suppletive della Camera dei deputati per approdare finalmente in parlamento – più che rafforzare la diarchia post-comunista (visto che rappresentano, entrambi, la leadership del soviet altrimenti detto sistema) dilaga nella patafisica. Magari a Siena, grazie al MPS, Letta vince. Ma a Roma-Primavalle, sul buon Conte, grava l’agguato del contrappasso: il banchetto zeppo di microfoni da cui parlò uscendo da palazzo Chigi è perfetto, infatti, per diventare una bancarella generosa di prezzemolo e cicorino (a mazzi). Perché così finirà. Al mercato. Con Goffredo Bettini a fargli da garzone.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares