X
<
>

Operai impegnati nella raccolta nei campi

Tempo di lettura < 1 minuto

Un fatto è un fatto. A proposito di discriminazioni, a proposito di riscatto, è un fatto che ci siano lavoratori – uomini e donne – sfruttati fino allo stremo, e con una paga da 5 euro l’ora, di cui ci si accorge, ma solo un po’, quando crepano di fatica. E questo preciso fatto visibile nel solleone della grande distesa meridionale non diventa dibattito, non impegna gli influencer e neppure – nella conta del centrosinistra in parlamento – la tenuta del governo. Evidentemente il lavorare per morirne non riguarda i diritti civili sempre di gran moda ma le garanzie sociali di cui non se ne fotte mai nessuno. E questo è il vero fatto.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA