X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

Renato Brunetta tocca il nervo scoperto dell’italiano medio. Con la richiesta di ritornare al lavoro e smetterla con lo smart working, il signor ministro della PA stana tutti i fannulloni. Finisce la pacchia di divano – panino – e televisione. Nessuno più se ne sta in mutande coperto dal soccorrevole ombrello della pandemia. Certo, mai benedizione fu tanto amata dai dipendenti pubblici come il lockdown ma dal tutti a casa finalmente si va tutti al lavoro. E ne beneficia il Pil – non fosse altro per la pausa pranzo – e così l’Eros. Dalle 14;00 alle 16;00 infatti si consumano gli inarrivabili e costosi adulteri. A favore del Pil.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA