X
<
>

Mimmo Lucano

Tempo di lettura < 1 minuto

Fatta salva la squisita buonafede di Mimmo Lucano – santo subito – c’è un dettaglio proprio rivelatore a carico dei suoi difensori, tutti accesi di squillante virtù democratica. Ed è questo: “Non ho preso soldi per me” ma per la giusta causa. Così la sua versione dei fatti innanzi al pubblico di Otto e Mezzo l’altra sera. Ma il dettaglio, appunto, se ne resta a galleggiare oltre l’audience. Quando lo dicevano gli imputati di tangentopoli – “non ho preso soldi per me” ma per il partito… – ricevevano solidarietà da questi sepolcri imbiancati di oggi, a quel tempo tutti mozza orecchi forcaioli? Doppiopesisti direbbe (anzi, avrebbe detto a suo tempo Paolo Mieli…) #doppiopesisti


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA