X
<
>

Gianfranco Fini

Tempo di lettura < 1 minuto

E poi dice che uno si butta a sinistra: “Rivendico la svolta antifascista di Fiuggi, per questo mi chiamano il traditore”. Così dichiara Gianfranco Fini a La Stampa. E così, leggendolo, si trova la dimostrazione di un assunto. E cioè che l’antifascismo è la lavatrice suprema a disposizione dei furbi. Al signor Fini, insomma – giusto per la precisione – lo chiamano traditore per ben altro motivo, anzi, per un ben preciso immobile: la ca-sa di Mon-te-car-lo. Ecco, giusto per la precisione.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA