X
<
>

Paolo Mieli

Tempo di lettura < 1 minuto

L’idea accarezzata da Paolo Mieli sul Corriere della Sera – e se decidessimo di non votare più? – serve a scongiurare qualunque investitura popolare elettorale inevitabilmente antisistema (tipo Berlusconi ieri, poi M5s, domani Meloni-Salvini) e poggia su un precedente ben preciso, anzi, due. Il primo è quello di Jonathan Swift – Una modesta proposta – ovvero ingrassare gli infanti smagriti e farli mangiare ai ricchi. Il secondo, invece, è rivelatore di una lungimiranza tutta mussoliniana. Quella di considerare le elezioni “ludi cartacei”. De Felice, insomma, docet.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA