X
<
>

Sergio Mattarella alla Prima alla Scala

Condividi:

A margine della prima alla Scala di Milano e dell’emozionante tributo al Capo dello Stato ancora una cosa da dire c’è, e cioè che questa nostra è un’epoca di raggiante e distanziata felicità. Altrimenti non ci sarebbero stati i reiterati bis all’indirizzo di Sergio Mattarella e poi quella lunga pioggia di applausi dalla durata di quindici minuti quindici. Eravamo abituati a ben altro, in altri tristi tempi: ai lanciatori di uova marce assiepati davanti al teatro, alle pellicce di visone sulle spalle delle signore, alle Porsche Carrera pronte a correre via – nel dopo spettacolo – verso Cortina: “Via della Spiga, Hotel Cristallo in 2 ore, 54 minuti e 27 secondi. Alboreto is nothing”. 


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA