X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

Secondo voi è più facile contagiarsi in un ristorante con i tavoli a distanza o in una classe scolastica con i banchi (senza rotelle) ben distanziati? Nelle palestre con ingressi frazionati e tutti i protocolli del caso, al cinema e a teatro con i posti intervallati tra occupati e vuoti, oppure su bus e metropolitane delle città con i passeggeri stipati all’ora di punta?

La risposta è ovvia. Eppure nonostante sia assodato che il virus viaggi sui mezzi di trasporto (locali perché i treni dell’alta velocità sono meglio organizzati) non si riesce ancora ad arginare il contagio.

Come fare? Utilizzando i controllori a bordo che facciano salire solo il numero chiuso di passeggeri stabilito dal protocollo. Se scende uno può salire un altro. Le corse dei bus però devono essere incrementate.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares