X
<
>

Yvonne Mondany

Tempo di lettura 2 Minuti

In un contesto universitario in cui abbondano i fuoricorso, è da segnalare come un modello virtuoso il percorso di studi di Yvonne Mondany, salernitana classe ‘96 che l’estate scorsa, a soli 22 anni, ha conseguito la sua terza laurea.

Si tratta di un record: nessuno alla sua età è riuscito ad ottenere tanto. Il primo titolo l’ha preso a 20 anni all’Università L’Orientale di Napoli, in Mediazione Linguistica e Culturale.

Poi, l’estate scorsa, sono arrivate contemporaneamente la laurea magistrale alla Luiss di Roma e il master di Scienze Politiche alla Université libre de Bruxelles, dove ha svolto anche un tirocinio al Parlamento europeo.

Yvonne è così diventata la plurilaureata più giovane del Sud Italia e la più giovane plurilaureata d’Italia negli ultimi dieci anni. Primato che è stato festeggiato nella sua Salerno, a luglio, dal sindaco Vincenzo Napoli che le ha donato un bouquet di fiori.

Intervistata da Le Cronache di Salerno, la giovane ha affermato: «Per me è una grande soddisfazione (…), grazie anche ai miei genitori, mi sono iscritta alle scuole elementari a 5 anni e mi sono trovata sempre un po’ più avanti rispetto a quello che dovevo essere».

Yvonne ha quindi rivolto ai giovani il consiglio di trovare le proprie passioni. «Anche a me è capitato, alle medie – ha detto –, di non andare benissimo alle interrogazioni ma nel momento in cui si trova la propria strada studiare non diventa più un peso perché fare del futuro un lavoro soddisfacente dà tante motivazione per andare avanti».


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA