X
<
>

“La morte di Socrate” di Jacques-Louis David, 1787

Tempo di lettura 4 Minuti

IL FATTO dal quale bisogna partire é la convinzione che le politiche per il  Mezzogiorno sono state un fallimento, negli ultimi decenni. La responsabilità di tale  andamento va certamente attribuita a molteplici fattori.  Le risorse non sono state certamente sufficienti, considerata l’enorme realtà che  dovevano contribuire a modificare. Lo stato delle ferrovie, delle autostrade, delle utilities  acqua, luce, sono tali da non ingenerare dubbi sulla limitatezza degli interventi.  

Certamente un altro fattore si può individuare nella non utilizzazione in tempi  opportuni delle risorse che sono state destinate. L’azione della classe dominante estrattiva  meridionale, spesso prona agli interessi del Governo centrale, dal quale riceveva mancette  per i propri protetti, non ha certamente aiutato ad imporre un nuovo modello di sviluppo.  

Ovviamente le scelte operate dalla gente meridionale dei propri rappresentanti, privilegiando  l’appartenenza piuttosto che il merito, hanno contribuito ad un degrado complessivo, del  quale non si riesce a vedere il bandolo della matassa.  In tutto questo il ruolo che dovevano interpretare le università meridionali non è stato  probabilmente adeguatamente coperto.

Troppa attenzione a guardarsi l’ombelico, ad  accaparrarsi fondi e posti di ruolo per i propri allievi, troppa poca attenzione alle  problematiche del territorio, per cui il risultato è stato quello di non avere voce adeguata per  indirizzare le politiche sul Sud.  Si sono levate invece le voci di alcuni maitre a penser che hanno dominato il  dibattito sull’impostazione delle politiche da adottare. Proprio quelle politiche che si sono  dimostrate fallimentari per una convergenza di problematiche che non hanno consentito mai  il funzionamento di nessuna di essa.  

Stranisce pertanto che malgrado un fallimento annunciato ed assodato in realtà spesso sono  le stesse voci che continuano a dare indirizzi e ricette, sempre nuove e sempre antiche, per  risolvere una questione che invece rimane in tutta la sua dimensione di problema.  Ricette che spesso non si confrontano in alcun modo con i numeri che riguardano il  Sud. Pochissimi ad individuare nell’esigenza della creazione di oltre 3 milioni di posti di  lavoro la dimensione di un problema nazionale.  

Pochissimi, aldilà di accuse generiche a carenze di classe dirigente, a mancanza di capitale  umano e sociale, ad individuare le branche e i settori che dovrebbero aiutare a dare quel  contributo fondamentale a che la soluzione del problema del Mezzogiorno non venga dallo  spopolamento del territorio. Per cui vi è un generico riferimento all’esigenza di aumentare le  presenze turistiche di un territorio, che con i beni culturali esistenti potrebbe competere con  moltissime aree del mondo, senza mai dare una soluzione operativa perché tutto questo  avvenga.  

Mentre proposte articolate vengono totalmente ignorate, come per esempio quella delle Zes  turistiche.  C’è spesso in molti intellettuali un generico progetto di crescita culturale complessiva del  territorio, che non si capisce bene in quanti anni dovrebbe dare il risultato, senza fare i conti  con i 100.000 ragazzi/uomini e donne formati che ogni anno sono costretti ad utilizzare un  volo low cost per trasferirsi in altre parti del Paese. E l’attenzione per esempio alle Zes  manifatturiere, che dovrebbero essere le chiavi di volta per affrontare quella mancanza di  lavoro, che costringe moltissimi a ricorrere al reddito cittadinanza, è assolutamente  insufficiente senza peraltro che ve ne sia per altri strumenti che dovrebbero sostituirsi ad  esse.

Sembra da parte di molti che piuttosto che avere il problema di individuare soluzioni e  percorsi vi sia quello di monopolizzare il dibattito con lo scopo di esserne i protagonisti.  In una visione di territorio e di pascoli esclusivi nei quali vi sia il diritto di brucare solo  per alcuni. Così come sulle politiche adottate fino ad ora bisognerà fare un’ampia autocritica  per capire quali sono le motivazioni di fondo perché non hanno funzionato, la stessa cosa  dovrebbero fare i protagonisti che ne hanno ispirato le filosofie piuttosto che proporsi  ritenendosi buoni per tutte le stagioni.  

Il Mezzogiorno certamente presenta tanti problemi, ma uno di questi che non va  sottovalutato e di aver delegato la rappresentanza del suo pensiero ad associazioni, a  ricercatori che scevri dal confrontarsi e dal mettersi in discussione, con collegamenti  privilegiati con alcuni partiti, si sono arrogati il diritto di essere gli unici rappresentanti  culturali di una certa realtà.

È successo con la rappresentanza politica, succede con la sua  rappresentanza culturale. Forse si fa sempre più presente l’esigenza di un pensiero eretico  che buttando a mare le vecchie ricette, mettendo in discussione i vecchi collegamenti, riesca  finalmente a confrontarsi e ad affermare sia a livello governativo che a livello dell’opinione  pubblica nazionale, dati e dimensioni, percorsi e progetti, con una visione complessiva,  certamente che guardi al Mediterraneo ed alla logistica e che faccia i conti con tempi  obiettivi e risultati.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA