X
<
>

Tempo di lettura 3 Minuti

C’È un’Italia che vuole lavorare e basta. È il partito del Pil che cerca persone e , nelle specializzazioni più alte, fatica a trovarne. Va avanti smentendo tutti i profeti di sventura, a partire dai sindacati e dai partiti di estrema sinistra che temevano un diluvio di licenziamenti dopo la rimozione del blocco deciso a luglio. La realtà dice il contrario e questo spiega abbondantemente quanto sia alta la componente di ideologia che guida la politica sul lavoro.

Dall’analisi effettuata da Excelsior, realizzato per conto di Unioncamere e Anpal, emerge che entro fine ottobre le imprese hanno programmato più di mezzo milione di assunzioni, 114mila in più (+29,1%) rispetto allo stesso periodo del 2019 ed entro dicembre contano di fare 1,4 milioni di assunzioni.

Almeno la metà dei contratti sarà a tempo determinato, ma il tempo pieno sta crescendo. La domanda di lavoro è in crescita nell’industria come nei servizi, sebbene con differenti gradazioni; più caute le attese per turismo e ristorazione dopo il notevole recupero dei mesi estivi, mentre maggior fiducia emerge dalla filiera della cultura e dell’intrattenimento e, in genere, dei servizi alle persone (+19,6%) anche grazie alle recenti riaperture.

LE RICHIESTE DEI SETTORI

Il dinamismo del mercato, si legge nel Bollettino, è in linea con l’attuale congiuntura economica. Quello che manca, però, è l’allineamento tra domanda e offerta: le aziende riescono a trovare solo il 36% delle persone e il buco è vistoso nelle professioni a elevata specializzazione e per gli operai qualificati. Secondo Excelsior il fenomeno è frutto soprattutto della demografia e di un inefficiente orientamento professionale (la mancanza di candidati per determinati profili e con specifiche esperienze ). L’industria prevede 183mila entrate per il mese di ottobre, che salgono a 452mila a dicembre.

Nonostante le tensioni sul mercato dell’energia e delle materie prime, prosegue la ripresa occupazionale del manifatturiero con 131mila entrate nel mese e 326mila fino a fine anno. Le maggiori opportunità le offrono le industrie a più alta specializzazione come la meccatronica (apparecchiature meccaniche a controllo elettronico) che ricercano 34mila lavoratori nel mese e 93mila nel trimestre, seguite dalle industrie metallurgiche e dei prodotti in metallo (27mila nel mese e 68mila nel trimestre) e da quelle tessili, dell’abbigliamento e calzature (14mila nel mese, 32mila nel trimestre).

Elevata anche la richiesta proveniente dal comparto delle costruzioni: 52mila le assunzioni programmate per ottobre e 126mila fino a dicembre. Si attesta complessivamente al 36,5% la quota di assunzioni per le quali le imprese dichiarano difficoltà di reperimento (+5 punti percentuali rispetto a ottobre 2019), soprattutto a causa della mancanza delle figure professionali ricercate dalle imprese.

DIFFICILE REPERIMENTO

Complessivamente, le difficoltà di mettere insieme domanda e offerta salgono al 51,5% per gli operai specializzati, al 41,8% per le professioni tecniche e al 40,6% per i dirigenti e professioni intellettuali e scientifiche. A segnalare i maggiori problemi nel reperire sono le imprese metallurgiche e dei prodotti in metallo (52,9%), criticità che sale al 64,1% per il recruitment di fabbri ferrai, costruttori di utensili e assimilati e al 61,9% per fonditori, saldatori, lattonieri, calderai, montatori carpenteria.

Elevato anche il problema segnalato dalle imprese delle costruzioni (48,7%) soprattutto per artigiani e operai specializzati addetti alle rifiniture delle costruzioni (61,5%), e dalle imprese dei servizi informatici e delle comunicazioni (47,8%) per cui le maggiori difficoltà si incontrano per specialisti in scienze matematiche, informatiche (61,7%) e per tecnici informatici, telematici e delle telecomunicazioni (54,3%).

IL MISMATCH

Coerentemente con le figure professionali, le aree aziendali con il più alto mismatch risultano essere i sistemi informativi (57,6%), progettazione e ricerca (51%), installazione e manutenzione (52,3%). A trainare la domanda sono i contratti a tempo determinato con 282mila richieste, pari al 52,3% delle entrate programmate (+93mila su ottobre 2019), seguiti da quelli a tempo indeterminato con 89mila contratti, pari al 20,7% dei casi (poco distanti, -9mila, da quelli offerti a ottobre 2019).


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA